Obiettivi

Obiettivi

Si precisa che l’idea progettuale nasce da un’analisi reale dei fabbisogni informativi delle imprese ricadenti nelle provincia di Ascoli Piceno e Fermo, sempre più sensibili ai temi della condizionalità, della condizionalità zootencica, del benessere degli animali e della sicurezza nel luoghi di lavoro.
Nell’ambito della Regione Marche le province di Ascoli Piceno e Fermo sono caratterizzate dalla presenza di coltivazioni erbacee e arboree specializzate oltre ad una interessante consistenza zootecnica (bovini, ovicaprini e suini).
Nello specifico produzioni cerealicole nella media ed alta collina marchigiana (grano tenero, grano duro, orzo ecc) mentre nelle aree di pianura (granoturco, girasole e orticole in genere).
Interessante è la consistenza zootecnica diffusa specialmente, nelle aree montane con la presenza di capi bovini della razza Marchigiana e Meticcia oltre a capi ovini di razza Sarda e Meticcia e di capi suini.
Per garantire una agricoltura sempre più sostenibile, rispettosa dell’ambiente e in grado di garantire prodotti finiti genuini e salubri, si rende necessario effettuare una azione di informazione e sensibilizzazione delle imprese agricole in materia di condizionalità, condizionalità del comparto zootecnico, letta anche nell’ottica del benessere degli animali e di sicurezza nei luoghi di lavoro. Importante è indurre una lettura positiva del mondo agricolo da parte del consumatore finale, che sarà disposto ad acquistare prodotti sicuri dal punto di vita alimentare. L’agricoltura va letta anche nell’ottica della tutela e della salvaguardia del paesaggio rurale marchigiano.
Il progetto intende operare perseguendo la linea di 3 obiettivi previsti al punto 2 del bando:
obiettivo 5 – favorire la sensibilizzazione degli operatori agricoli e forestali in materia di gestione sostenibile delle risorse naturali, con riferimento ai requisiti della condizionalità ed alla necessità di promuovere l’agricoltura a basso impatto ambientale;
obiettivo 4 – preparare gli imprenditori agricoli e forestali all’introduzione in azienda di tecniche di coltivazione ed allevamento migliorative per l’ambiente e favorevoli alla tutela e valorizzazione del paesaggio rurale;
obiettivo 2 – formare gli agricoltori e gli operatori forestali in merito alle nuove tecnologie e/o di innovazioni di prodotto e di processo. In particolare l’obiettivo del presente bando è l’informazione finalizzata al trasferimento di informazioni riguardanti la prevenzione e la sicurezza nei luoghi di lavoro previste dalla DGR 1188 del 01/08/2012;
Negli ultimi anni le aziende agricole hanno dimostrato una sempre maggiore sensibilità sulle tematiche riguardanti la condizionalità, il benessere degli animali, le produzioni zootecniche e la difesa e la salvaguardia del paesaggio marchigiano.
Seguendo il filo conduttore della condizionalità e della buona pratica dell’allevamento zootecnico, si intende raggiungere i seguenti obiettivi:
1) Utilizzare il sistema della condizionalità nelle aziende agricole – applicare correttamente i regolamenti comunitari, nazionali e regionali – obblighi e opportunità per le imprese;
2)  Applicare i principi fondamentali della condizionalità – conoscere e applicare i principi base della condizionalità;
3) Affrontare le principali situazioni di emergenza – applicare i comportamenti previsti nelle princiapali situazioni di emergenza;
4) Collaborare al mantenimento delle condizioni migliori per l’ecosistema – contribuire al monitoraggio delle condizioni dell’ecosistema ambiente-agricoltura, rilevando eventuali disfunzioni e criticità;
5) Applicare i principi fondamentali della condizionalità zootecnica, delle norme sul benessere degli animali e delle operazioni anche innovative dell’allevamento zootecnico.
La condizionalità non deve essere letta come una serie di obblighi che le imprese agricole devono rispettare per poter accedere ai contributi Regionali o Nazionali ma bensì una carta di identità per presentare la propria aziende, rispettosa dell’ambiente e della salute degli animali, al consumatore finale.
Quindi il presente progetto si prefigge di divulgare e formare le aziende agricole sulle tematiche del rispetto delle norme sulla condizionalità, l’ottimizzazione delle tecniche di allevamento zootecnico, il rispetto delle norme sul benessere degli animali, le opportunità di trasformare e vendere produzioni zootecniche in azienda, l’introduzione di nuove tecniche di rispetto e salvaguardia dell’ambiente e favorevoli alla valorizzazione del paesaggio rurale.
Un aspetto molto importante che sarà cardine del progetto è l’attività informativa finalizzata alla trasmissione di nozioni riguardanti la prevenzione e la sicurezza nei luoghi di lavoro, come previsto dal DGR del 01/08/2012. Infatti nelle coltivazioni erbacee (cerealicola, orticola ecc.), arboree intensive come la frutticoltura, viticoltura e olivicoltura e nell’allevamento zootecnico, il ricorso alla meccanizzazione nel corso degli anni ha portato ad una importante diminuzione dei costi di produzione, parallelamente a questo risulta quindi importante un corretto utilizzo dei macchinari e un corretto atteggiamento preventivo in materia di sicurezza. Quindi nell’ambito del progetto parte delle attività divulgative avranno la finalità di divulgare alle imprese agricole l’importanza del rispetto delle norme sulla prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro, oltre che la divulgazione delle misure riguardanti la messa in sicurezza delle macchine agricole.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.