PROGETTO 41339 “BIOdiversità e Servizi Ecosistemici In FOReste e Territorio – BIOSEIFORTE”

PROGETTO 41339 “BIOdiversità e Servizi Ecosistemici In FOReste e Territorio – BIOSEIFORTE”

                                   

 

ANALISI DEL CONTESTO DI RIFERIMENTO

La Strategia Forestale UE (2013) chiede di valorizzare, con un uso sostenibile, il capitale naturale senza intaccare la biodiversità. Il Dlgs 34/2018 Testo Unico sulle Foreste e Filiere Forestali richiede innovazione nel settore per accrescere la valenza multifunzionale delle foreste. Esso stabilisce (art.7) che le Regioni “promuovono sistemi di Pagamento dei Servizi Ecosistemici ed ambientali (PSE) generati dalle attività di gestione forestale sostenibile e dall’assunzione di specifici impegni silvo-ambientali”. Molti dei Servizi Ecosistemici (SE) non hanno ancora un sistema di prezzi e quindi un mercato adeguato. Nei processi decisionali per la conservazione e la valorizzazione degli ecosistemi forestali c’è particolare attenzione all’attivazione di strumenti convenzionali (incentivi e agevolazioni fiscali) ma anche nuovi come i PSE, volti ad aumentare l’offerta di SE. I PSE sono forme contrattuali tra almeno un fornitore (proprietario o gestore del terreno che, con il pagamento, si impegna a sostenere l’offerta di un ben definito SE) e almeno un utilizzatore beneficiario (es. soggetti privati, loro associazioni o forme di rappresentanza). Il rapporto tra i due soggetti è su base volontaria ed è regolato da una transazione economica.

Il Consorzio Forestale Monte Nerone possiede circa 1000 ha di superficie forestale quasi interamente inclusi in aree SIC e ZPS della Rete Natura2000 dell’area del Monte Nerone che richiedono limitazioni colturali ed una gestione finalizzata alla conservazione della biodiversità e di altre funzioni ecosistemiche. Tale gestione, di diffusa valenza socio-ambientale, richiede costi non sempre sostenibili dai proprietari, condizione che spesso induce all’abbandono colturale ed alla conseguente perdita di biodiversità e delle connesse funzioni ecosistemiche.

Il progetto BIOSEIFORTE intende applicare tale approccio innovativo in un territorio di notevole interesse naturalistico dove le utilizzazioni forestali tradizionalmente legate alla produzione legnosa sono drasticamente diminuite creando processi di abbandono che aumentano la sensitività ai disturbi (incendi forestali, dissesto versanti, eventi climatici) riducendo la valenza ecologica e la biodiversità. La presenza di una superficie forestale ampia ben definita a livello fondiario e dotata di un piano particolareggiato di assestamento forestale costituisce un elemento fondamentale per l’applicazione della sperimentazione progettuale.

Idea progettuale

Il progetto affronta il problema della carenza di risorse per la gestione forestale finalizzata alla tutela della biodiversità e dei relativi servizi ecosistemici (es. tutela assetto idrogeologico) dei boschi del CF Monte Nerone (fornitore) attraverso l’individuazione di beneficiari e la determinazione del pagamento dei SE ritenuti più idonei nell’area di riferimento.

Membri del gruppo

Consorzio Forestale Monte Nerone (capofila)

Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali  – Università Politecnica delle Marche (partner)

Fondazione Medit Silva (partner)

Impresa Verde Marche SRL (partner)

Federforeste Federazione Italiana delle Comunità Forestali (partner)

ATTIVITA’ DI COMUNICAZIONE E DIVULGAZIONE

-Seminario on line “Il progetto Bioseiforte BIOdiversità e Servizi Ecosistemici In FOReste e TErritorio-Presentazione degli obiettivi e delle attività previste”  28 APRILE 2021

cliccare per visualizzare la locandina

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.